INAUGURAZIONE DELLA BRIGLIA:

Il 6 Ottobre 2021 è stata inaugurata la briglia frangicolata di tecnologia giapponese, prima opera del genere in Italia progettata da Studio Majone per la messa in sicurezza dell’abitato di Cancia, all’inaugurazione erano presenti il Sindaco di Borca di Cadore, l’Ing. Simone Carraro Direttore Lavori. Lo studio Majone ha collaborato in fase di esecuzione dei lavori con la direzione operativa dell’Ing. Beatrice Majone per quello che riguarda le opere idrauliche.

Le opere inaugurate riguardano un primo stralcio che hanno come obiettivo la mitigazione del rischio di colata detritica che interessa il canalone di Cancia e che da anni minaccia le abitazioni sottostanti, la viabilità comunale e la strada statale 51 di Alemagna.

PRINICPALI EVENTI FRANOSI VERIFICATESI NEL TERRITORIO:

La frazione di Cancia, nel comune di Borca di Cadore, è ripetutamente interessata da eventi di colata detritica provenienti dal canalone a monte, denominato “Rovina di Cancia”, che in più occasioni hanno causato vittime.

Nel luglio 1737 una colata causò danni ingenti agli abitati di Sala e Resinego, provocando 17 morti. Altre colate importanti risalgono al luglio 1868 e al gennaio 1948, con la distruzione del paese e numerosi morti.

In tempi più recenti numerosi episodi di innesco della frana sono avvenuti tra il 1992 e il 1999 (almeno uno all’anno), con accumuli di detriti nel canale, danni a qualche edificio e alla Statale 51 di Alemagna sottostante.

L’episodio più recente risale al luglio 2009, quando la colata detritica raggiunse le abitazioni e provocò due vittime.

La principale problematica da affrontare ha riguardato la presenza a monte dell’intervento di massi anche di notevoli dimensioni oltre ai detriti di varia granulometria. Le opere progettate e di seguito descritte hanno lo scopo di ridurre o impedire la caduta a valle del materiale

IL PROGETTO DI STUDIO MAJONE:

L’area oggetto di studio è situata sulle propaggini sud-occidentali del monte Antelao, a nord-ovest l’area è delimitata dalla cresta che, scendendo dalla cima dell’Antelao, porta alla cima Salvella mentre, a sud corre la dorsale della Crepa Rossa che separa l’area del Bus del Diau dalla grande Caldera o ghiaione pensile del Rudan.

Il Progetto di messa in sicurezza dell’abitato di Cancia, posto all’interno del Comune di Borca di Cadore, prevede la realizzazione di una briglia di valle a quota 1255 m s.l.m. a questa opera viene aggiunto un canale di deviazione che raccoglie le acque provenienti dal Canale Bus del Diau e quelle provenienti dal manufatto di dissipazione che confluisce le acque nel canale Rovina di Cancia posto a valle della briglia.

La deviazione del corso del Bus del Diau permette di spostare la confluenza esistente a lato della piazza alta dalla quota di 1362 m.s.l.m. fino alla quota di 1260 m.s.l.m con una mitigazione del rischio per l’abitato.

Press:

Belluno Press: Inaugurata la briglia di Cancia a Borca di Cadore

Corriere delle Alpi: Cancia, l’Antelao fa meno paura: pronta la briglia che ferma la colata

Tele Belluno: Borca di Cadore: inaugurata la briglia di Cancia