Il progetto prevede la realizzazione delle opere per la riduzione delle portate al colmo del torrente Arno e dei livelli idrici nel centro abitato di Gallarate (VA) mediante la costruzione di una vasca di laminazione (cassa di espansione) dotata di un volume utile di invaso pari a 1.100.000 mc (in corrispondenza di un evento con tempo di ritorno di 100 anni). La vasca è dotata di due distinte linee arginali, dotate di pendenza 1/2 (vert./orizz.): la prima linea esterna (maestra) circonda l’intera opera e consente di contenere il massimo invaso di progetto con un franco residuo di 1 m, mentre la seconda linea (secondaria) è sormontabile (per tale motivo il relativo paramento è rivestito materassi metallici e su quello esterno con geostuoia antierosione tridimensionale), e costituisce il bacino più interno ed allagabile con maggior frequenza; il fondo della vasca è stato abbassato, nel bacino più interno, di circa due metri in media.

La limitazione delle portate scaricate a valle della vasca di laminazione viene effettuata, in funzione dei livelli misurati in automatico, mediante luci dotate di paratoie ad azionamento meccanico all’interno del manufatto di regolazione posto a valle della cassa. Nello stesso manufatto sono stati realizzati, a lato del corpo principale, due scaricatori di superficie, ciascuno di larghezza complessiva pari a 7,5 metri, in grado di sfiorare le portate eccedenti quella di progetto, garantendo quindi il franco di sicurezza sul massimo livello di invaso. Tutti i manufatti in c.a. sono perfettamente inseriti e raccordati con le arginature maestre, e quindi irrilevanti dal punto di vista dell’impatto visivo; peraltro nel progetto sono state previste gli opportuni interventi di mitigazione e compensazione ambientale, che garantiscono un perfetto inserimento dell’opera nell’attuale contesto paesistico.

L’opera si completa con altri interventi “accessori”, tra i quali le piste di servizio e la viabilità interna (tra cui un ponte ciclopedonale interno al bacino secondario, che garantisce la fruibilità dell’area), un nuovo ponte in c.a. per l’attraversamento del torrente Arno da parte della viabilità esistente, alcuni manufatti di regimazione della nuova inalveazione del corso d’acqua ed i necessari adeguamenti di una linea fognaria interferente con la vasca.

Attività svolte:

  • Studio idrologico
  • Dimensionamento e verifica idraulica delle opere in progetto
  • Dimensionamento e verifica strutturale e geotecnica delle opere in progetto
  • Studio di fattibilità ambientale
  • Progetto preliminare, definitivo ed esecutivo
  • Coordinamento sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione
  • Direzione lavori